Homepage Forum Off-Topic Sigarette rollate a mano fanno più male di quelle industriali? Re: Sigarette rollate a mano fanno più male di quelle industriali?

#14852

Cuorenero
Membro

per la questione umido , io penso che non  si può paragonare il legno al tabacco trinciato  x via del taglio , per me va paragonata alla paglia , se bruci paglia secca avrai una fiammata forte ed istantanea, con poca resa e una fumata piena , quindi tradotto x il tabacco un tiro maggiore con consumo elevato , fumo denso e caldo che passa facilmente il filtro, invece la paglia umida al punto giusto brucia più lentamente, la resa e maggiore (come tempo) e meno caldo ,tradotto x il tabacco sigaretta che si consuma lentamente e non sono possibili un  tiro lungo ,il fumo avendo acqua evaporata all’interno si attacca più facilmente al filtro , essendo meno caldo disturba meno .. la paglia bagnata non si accende tradotto in tabacco non si può fumare ..

detto questo si evince l’importanza del filtro e fumare con la giusta cartina, fumare un umido con una cartina B significa dare il tempo al tabacco di far evaporare l’acqua e di far accumulare le sostanze nel tabacco che lo precede (tipo come un sigaro che arrivati al 3/3 diventa molto più forte al confronto del 1/3) e fumare un umido senza filtro con cartine A e sbagliato al mio avviso xche non ce niente che blocca l’acqua che trasporta tutte le sostanze ..
le mie considerazioni le ho fatte vedendo i residui nei bocchini con vari tipi di cartine,tabacco e filtri o no filtri…
invece il legno se umido in un camino,quindi chiuso trattiene molta umidità che poi risalendo la canna fumaria si attacca più facilmente  con tutte le sostanze contenute , formando uno strato appiccicoso che facilità l’accumulo di sporco.. 
l’esempio del legno per me funziona più per la pipa ..
cmq anche x me sono mie idee , e lo dico anche nella mia firma che quello che spesso si dice nel web deve trovare conferma prima di prenderlo x vero ..

Quello che si legge sul web non significa sia vero anche se lo detto io...
Se non piace a me può piacere a te 🙂