Homepage Forum Off-Topic Fumare la pipa o il sigaro VS fumare sigarette rollate Re: Fumare la pipa o il sigaro VS fumare sigarette rollate

#11043

ekoc29s
Membro

Carry ha detto:

Be non ho una trentennale esperienza pipesca ma ho fatto ben piu di una dozzina di pipate con le cicche dei toscani e non ho nessun problema..anche perche una volta alla settimana la pulisco per bene e torna come nuova

 

 

Buon per te ! :) Io non sono mai riuscito a togliere l’odore di catrame dal fornello. Una pipa pulita e lasciata a riposo per un giorno non dovrebbe averne. E’ anche vero che se nella stessa pipa fumi sempre una miscela con dei sigari, il problema non si pone; in genere, chi fuma la pipa ne ha diverse dedicate alle varie tipologie (soprattutto i cavendish scuri separati dagli altri tipi), perché un aroma di fondo rimane sempre (ad eccezione delle english mixture a base di Latakia perché, per una vecchia legge inglese, non hanno aromatizzanti superiori al 2%).

La ragione per cui il trinciato da sigarette lascia maggiori residui di catrame sta nel fatto che le particelle di combustione sono più sottili (essendo più fine il taglio all’origine); il sigaro, invece, è pieno di catrame: ne contiene in media otto volte di più (per non parlare dei toscani), rispetto ai più comuni trinciati per pipa (che non sono fatti di Kentucky, il più catramoso di tutti, se non di rado e in minima parte) .

Ci sono eccellenti miscele a base di Kentucky, invece, adatte alla pipa; sono molto costose, proprio perché richiedono selezioni e lavorazioni estreme per evitare troppi residui si catrame (es: l’University della Peterson, che è un flake da quasi 20 euri x 50g).

 

P.S. Dimenticavo: mi sorprende che tu la pulisca una volta a settimana! Una pipa andrebbe pulita con lo scovolino almeno una volta ogni due pipate. Altrimenti, ogni volta è come bere un vino da un bicchiere non lavato, in cui ne è stato già bevuto un altro… La pipa è uno strumento di degustazione del tabacco! Dopo averla pulita, se tiri a vuoto, l’effetto deve essere quello di non percepire alcun sapore, come da una cannuccia di plastica nuova.