Homepage Forum TABACCHI ITALIA tabacco "in polvere"

tabacco "in polvere"

Questo topic ha 7 risposte, 7 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 12 anni, 1 mese fa da Cuorenero.
  • Creatore
    Discussione
  • #4408

    andrea07
    Membro

    salve a tutti, fumo tabacco da circa 2 anni e da sempre (fumando tabacchi secchi tipo pueblo, chesterfeald blu ecc) ho il problema che a fine pacchetto mi ritrovo con 5/6 segarette per così dire “in polvere”, insomma la parte finale che, secondo il mio modesto parere, ha un sapore completamente diverso. Per risolvere questo problema mi hanno detto di usare una pietrina di terracotta, come ho visto anche qui https://www.rollingtobacco.it/2010/08/19/humidor-fai-da-te-per-mantenere-il-tabacco/ , ma non ho capito bene come fare..quando la mia busta di tabacco (chesterfeal blu) è circa a metà devo mettere questa pietrina (che ho precedentemente immerso per 2 minuti in un bicchiere d’acqua) bagnata per una notte? grazie e buon tabacco a tutti :D

Stai vedendo 7 repliche - dal 1 al 7 (di 7 totali)
  • Autore
    Repliche
  • #18606

    Cuorenero
    Membro

    predi il ferro da stiro a caldaia , aspetta il vapore al max e affumica il tabacco , se poi nella caldaia ci metti un po di liquore lo aromatizzi pure :) hhahah  … dai scherzo volevo dire che si può anche umidificare soffiando il vapore acqueo di un pentolino dopo averlo levato dal fuoco e se si possono anche aggiungere aromatizzanti , ma e già spiegato tutto in Tip’s e Triks  

    Quello che si legge sul web non significa sia vero anche se lo detto io...
    Se non piace a me può piacere a te 🙂

    #18537

    ago66
    Membro

    Anche io faccio come Carlo.
    La mattina prendo il tabacco che mi serve dal barattolo in frigo e lo metto nel portatabacco.
    Alla sera svuoto il portatabacco nel barattolo del frigo.

    La pietrina non la uso mai, perchè il tabacco prende l’umidità dal frigo.

    #18512

    giozh
    Membro

    altrimeni tieni da parte questa “polvere” e quando ne hai accumulata una certa quantità, la metti dentro un barattolo, la umidifichi, e poi la schiacci. Certo, non è che il tabacco ritorna filamentoso, ma il sapore ritorna quasi a quello originale.

    Io ho adottato questa tecnica con l’origenes. Ho riempito un barattoletto di vetro con un bel pò di rimanenze di vecchie buste, umidificato e pressato. Anche se devo dire che ancora non mi ci sono fatto mai una sigaretta sana, ma ci “taglio” le sigarette che mi faccio quando sono a casa (magari prendo mezzo tabacco dalla busta e mezzo dal barattolo)

    #18508

    bigmarco
    Moderatore

    Questo di @Carlo anche secondo me è forse il miglior sistema per ridurre al minimo lo scarto. Meno si muove e si schiaccia il trinciato naturale e meglio è, nel frigo inoltre rimane a temperatura e umidità costante.

    "era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti" P. Conte "boogie"

    #18507

    Carlo
    Membro

    andrea07 ha detto:

     ma non ho capito bene come fare..quando la mia busta di tabacco (chesterfeal blu) è circa a metà devo mettere questa pietrina (che ho precedentemente immerso per 2 minuti in un bicchiere d’acqua) bagnata per una notte? grazie e buon tabacco a tutti :D

    si, e magari ci dai una rimescolata il giorno dopo. Io ho provato anche la tecnica della busta aperta sul balcone ma non conta una cippa, e tieni conto che dove abito c’è nebbione costante.

    Comunque la pietrina serve ad evitare che si sbricioli il tabacco. Una volta sbriciolato, ovviamente, non lo recuperi più.
    Io ho “quasi” azzerato il problema tenendo il tabacco in un barattolo in frigo, e ogni giorno mi prendo il pizzico che mi serve per la giornata e lo caccio nel portatabacco. Nel giro di una settimana si accumula un pò di polvere sul fondo del portatabacco, ma io lo prendo e lo butto nel barattolo dove c’è il trinciato bello umido e ci do una mescolata.

    L'intera storia della letteratura altro non è che una nota a piè di pagina sul Faust. In ogni caso, non ho idea di che cosa io stia parlando (W. Allen)

    #18503

    lele
    Membro

    Ha ragione bigmarco ma se vuoi più informazioni vai qua :

    https://www.rollingtobacco.it/forum/off-topic/la-pietra-umidificatrice

     

    Vedendo che sei nuovo ti dico quello che ti diranno un po’ tutti insomma,che prima di aprire una discussione cerca e leggi

    #18501

    bigmarco
    Moderatore

    Con i tabacchi secchi andrea07 la pietrina di terracotta risolve qualcosa, ma non fa miracoli.  I trinciati secchi già da soli si polverizzano, ma lo sfregamento che produciamo portando in tasca la busta, in particolare in estate nella tasca dei pantaloni, peggiora parecchio le cose.  Con la pietra si inumidisce il tabacco, che si ammorbidisce un po’ e si spezza di meno. La cosa da fare sarebbe tenere il tabacco nell’humidor e portarne dietro una piccola quantità, che comunque si polverizza un po’ prima che la fumi tutta.  Mica si può andare in giro con l’humidor in tasca…….. Oppure fai la cosa migliore, secondo me, e ti metti a fumare tabacchi addittivati, che tanto questi additivi così demonizzati in fondo sono acqua, zucchero, glicole,miele, liquirizia e aromi naturali.  Le porcate che fanno veramente male ci sono in tutti i tabacchi, anche nei naturali, ma se calcoliamo il tabacco polverizzato che si butta il gioco non vale la candela.

    "era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti" P. Conte "boogie"

Stai vedendo 7 repliche - dal 1 al 7 (di 7 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.