Homepage Forum TABACCHI ESTERO BALI TURKISH SHAG

BALI TURKISH SHAG

Questo topic ha 21 risposte, 8 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 11 anni, 9 mesi fa da Johnny Hooker.
  • Creatore
    Discussione
  • #92307

    ao59
    Membro

    Uno dei tabacchi che più mi incuriosiscono è il Bali Turkish Shag che, tra l’altro, è considerato, nei forums americani, uno tra i migliori tabacchi esistenti ( in diretta concorrenza con il Peter Stokkebye !!! ). Ho letto che diversi amici del forum lo hanno provato o lo stanno provando, ma i feedbacks al riguardo sono stati piuttosto scarsi. Invito pertanto tutti coloro che lo hanno provato a postare qui le loro impressioni. Grazie.

    Attachments:
    You must be logged in to view attached files.

    When you ain't got nothin', you got nothin' to lose

Stai vedendo 21 repliche - dal 1 al 21 (di 21 totali)
  • Autore
    Repliche
  • #93716

    Johnny Hooker
    Moderatore

    Ecco, bene sono contento che ti sia piaciuto, allora la prossima busta di N.a.s. che compro me la vado a fumare a Favignana.

    Non ho bisogno di alcun maestro. Il modo di tenerla ... di girarla ... me lo insegna la cartina stessa. Per omaggiare la bellissima firma de El Merendero.

    #93680

    ao59
    Membro

    In effetti, dopo il mio arrivo, hanno chiuso la mitica tonnara di Favignana, che dava lavoro a 600 persone, praticamente tutti gli abitanti dell’isola 😉

    Isola stupenda, allo stato naturale e con acqua e pesci favolosi. Inoltre, un grado di umìdità ottimale per i tabacchi secchi ;  ne ho approfittato per smaltire quasi tutta la mia scorta di Fleur du Pays extravecchio che, sull’isola, è magicamente diventato fumabilissimo 😉

    When you ain't got nothin', you got nothin' to lose

    #93592

    Johnny Hooker
    Moderatore

    Ben tornato Ao, spero che ti sia goduto le vacanze, favignana è una meraviglia come la descrivono? Non ci sono mai stato ma presumo sia così..e poi dicono che siamo campanilisti.

    Non ho bisogno di alcun maestro. Il modo di tenerla ... di girarla ... me lo insegna la cartina stessa. Per omaggiare la bellissima firma de El Merendero.

    #93590

    bigmarco
    Moderatore

    Ciao e ben tornato ao59! Gli avrai magnato tutto quel che c’era di commestibile a Favignana…..via tu non c’era più  un pesce da friggere!

    "era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti" P. Conte "boogie"

    #93583

    ao59
    Membro

    Ladies and Gentlemen . . . . . . . . . qui siamo al cospetto di un tabacco della premiata ditta Orlik Tobacco Company, compaesana, tanto per intenderci, dell’altrettanto capace Mac Baren Tobacco Company. Trinciati prodotti in terre vichinghe, ma con decisive influenze derivanti dal vicino confine col precedente Sacro Romano Impero. Un’aziendina che fa parte del gruppo Scandinavian Tobacco il quale commercializza tra l’altro cosette del tipo Crossroad e Peter Stokkebye, ma che senza dubbio in tempi moderni tende leggermente a snobbare l’Italico suolo. Ma torniamo al tabacco in questione. La busta è in plastica lucida con classica chiusura a caldo e linguetta adesiva, con una particolarità di non poco conto: gli ammonimenti mortali non sono stampati direttamente sulla busta, ma attaccati tramite etichette adesive – chiaramente in spagnolo, considerata la provenienza della busta in mio possesso – che farebbero pensare ad una vera un’uniformità internazionale di produzione, anche perché le ulteriori scritte sono esclusivamente in inglese. All’apertura si presenta come un tabacco semi-secco con un taglio sottile e filamentoso, estremamente pulito, ed un aroma a crudo di frutta secca, accompagnato da sentori di uva passa ed albicocca, di un omogeneo colore marrone medio-scuro. Si tratta di un blend abbastanza insolito: tabacchi Virginia maturi miscelati con Samsun turco, uno dei più ricercati tabacchi orientali. Ne esce, a mio giudizio, una fumata di corpo medio tendente al forte, con gusto ed aroma che ricordano molto i virginia naturali, arrotondati ed aromatizzati però dall’aggiunta del Samsun che ne smorza decisamente le spigolosità tipiche. Infatti tende a pizzicare solo leggermente la lingua e non gratta in gola. Da fumare con cartine di tipo B. Non vengono evidenziati i valori di condensato e nicotina. E’ nel complesso un tabacco che secondo me merita senza alcun dubbio e che consiglio di provare, qualora ve ne capitasse l’occasione, ma esclusivamente se avete una certa predisposizione per i Virginia.

    Grazie per la recensione e un saluto a tutto il forum. Sono rientrato quasta sera da Favignana ed ho un sacco da leggere. Mi ci vorrà almeno una settimana 😉

    When you ain't got nothin', you got nothin' to lose

    #93239

    Jim.
    Membro

    Jim. wrote:

    Marco wrote:

    Jim. wrote:
    [ … ]

    [ … ]

    Uhm, io no, dopo una ventina di sigarette a tabacco secco ho finito la busta rianimandolo con pietrina e qui sta il bello: dopo averlo umidificato, sia nell’odore che nel sapore… è diventato spiccicato all’Old Holborn Blu. Assurdo…

    Anche da stra-secco aveva un qualcosa in comune con l’OH blu…a crudo lo si sentiva abbastanza,ed è un vero peccato aver beccato una busta così..sarebbe stato un tabacco interessante secondo me

    Beh qualcosa in comune magari sì, però dopo averlo umidificato è diventato praticamente l’OH blu… ahah

    ‎"Sono 106 miglia per Chicago. Abbiamo il serbatoio pieno, mezzo pacchetto di sigarette, è buio, e portiamo tutt'e due gli occhiali da sole."

    "Vai."

    #92818

    Marco
    Membro

    Marco wrote:

    Jim. wrote:
    Io l’ho provato ma non posso commentare, il giudizio sarebbe falsato dalla secchezza del tabacco, che doveva risalire più o meno ai tempi dell’ultima cena…

    Idem…l’ho buttato dopo 2 sigarette perchè era tutto sbriciolato…

    Uhm, io no, dopo una ventina di sigarette a tabacco secco ho finito la busta rianimandolo con pietrina e qui sta il bello: dopo averlo umidificato, sia nell’odore che nel sapore… è diventato spiccicato all’Old Holborn Blu. Assurdo…

    Anche da stra-secco aveva un qualcosa in comune con l’OH blu…a crudo lo si sentiva abbastanza,ed è un vero peccato aver beccato una busta così..sarebbe stato un tabacco interessante secondo me

    #92699

    Jim.
    Membro

    Jim. wrote:
    Io l’ho provato ma non posso commentare, il giudizio sarebbe falsato dalla secchezza del tabacco, che doveva risalire più o meno ai tempi dell’ultima cena…

    Idem…l’ho buttato dopo 2 sigarette perchè era tutto sbriciolato…

    Uhm, io no, dopo una ventina di sigarette a tabacco secco ho finito la busta rianimandolo con pietrina e qui sta il bello: dopo averlo umidificato, sia nell’odore che nel sapore… è diventato spiccicato all’Old Holborn Blu. Assurdo…

    ‎"Sono 106 miglia per Chicago. Abbiamo il serbatoio pieno, mezzo pacchetto di sigarette, è buio, e portiamo tutt'e due gli occhiali da sole."

    "Vai."

    #92696

    bigmarco
    Moderatore

    Ho capito, asciuga velocemente. Bella recensione JeanNicot, mi complimento.

    "era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti" P. Conte "boogie"

    #92695

    JeanNicot
    Membro

    Perciò JeanNicot non è propriamente un secco, è un virginia based con tabacco orientale samsun, ma se fresco è un semi-umido…..di un umidità simile al Mac Nero,o sbaglio?

     

    Proprio così sulla composizione.  Non dovrebbe inoltre essere un naturale perchè altrimenti c’è da pensare che lo avrebbero scritto.

    La busta che ho avuto modo di testare conteneva un tabacco certamente più tendente al secco che al semi-umido, non secco come potrebbe essere un Nas o uno Yuma, ma di sicuro più di un Mac Nero.

    Poi il buon ao59, che ho prima dimenticato di ringraziare per avermelo a suo tempo segnalato, mi aveva in effetti avvertito che si trattava di un tabacco che soffre di secchezza precoce.  😉

    #92676

    bigmarco
    Moderatore

    Perciò  JeanNicot non è propriamente un secco, è un virginia based con  tabacco orientale samsun, ma se fresco è un semi-umido…..di un umidità simile al Mac Nero,o sbaglio?

    "era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti" P. Conte "boogie"

    #92671

    Marco
    Membro

    Io l’ho provato ma non posso commentare, il giudizio sarebbe falsato dalla secchezza del tabacco, che doveva risalire più o meno ai tempi dell’ultima cena…

    Idem…l’ho buttato dopo 2 sigarette perchè era tutto sbriciolato…

    #92661

    JeanNicot
    Membro

    Ladies and Gentlemen . . . . . . . . .

    qui siamo al cospetto di un tabacco della premiata ditta Orlik Tobacco Company, compaesana, tanto per intenderci, dell’altrettanto capace Mac Baren Tobacco Company. Trinciati prodotti in terre vichinghe, ma con decisive influenze derivanti dal vicino confine col precedente Sacro Romano Impero.  Un’aziendina che fa parte del gruppo Scandinavian Tobacco il quale commercializza tra l’altro cosette del tipo Crossroad e Peter Stokkebye, ma che senza dubbio in tempi moderni tende leggermente a snobbare l’Italico suolo.

     

    Ma torniamo al tabacco in questione.

    La busta è in plastica lucida con classica chiusura a caldo e linguetta adesiva, con una particolarità di non poco conto:  gli ammonimenti mortali non sono stampati direttamente sulla busta, ma attaccati tramite etichette adesive – chiaramente in spagnolo, considerata la provenienza della busta in mio possesso – che farebbero pensare ad una vera un’uniformità internazionale di produzione, anche perché le ulteriori scritte sono esclusivamente in inglese.

    All’apertura si presenta come un tabacco semi-secco con un taglio sottile e filamentoso, estremamente pulito, ed un aroma a crudo di frutta secca, accompagnato da sentori di uva passa ed albicocca, di un omogeneo colore marrone medio-scuro.

    Si tratta di un blend abbastanza insolito: tabacchi Virginia maturi miscelati con Samsun turco, uno dei più ricercati tabacchi orientali.

    Ne esce, a mio giudizio, una fumata di corpo medio tendente al forte, con gusto ed aroma che ricordano molto i virginia naturali, arrotondati ed aromatizzati però dall’aggiunta del Samsun che ne smorza decisamente le spigolosità tipiche.  Infatti tende a pizzicare solo leggermente la lingua e non gratta in gola.

    Da fumare con cartine di tipo B.

    Non vengono evidenziati i valori di condensato e nicotina.

     

    E’ nel complesso un tabacco che secondo me merita senza alcun dubbio e che consiglio di provare, qualora ve ne capitasse l’occasione, ma esclusivamente se avete una certa predisposizione per i Virginia.

    #92601

    Johnny Hooker
    Moderatore

    Io l’ho provato ma non posso commentare, il giudizio sarebbe falsato dalla secchezza del tabacco, che doveva risalire più o meno ai tempi dell’ultima cena…

    L’ ultima beffa di Giuda..

    Non ho bisogno di alcun maestro. Il modo di tenerla ... di girarla ... me lo insegna la cartina stessa. Per omaggiare la bellissima firma de El Merendero.

    #92599

    Jim.
    Membro

    Io l’ho provato ma non posso commentare, il giudizio sarebbe falsato dalla secchezza del tabacco, che doveva risalire più o meno ai tempi dell’ultima cena…

    ‎"Sono 106 miglia per Chicago. Abbiamo il serbatoio pieno, mezzo pacchetto di sigarette, è buio, e portiamo tutt'e due gli occhiali da sole."

    "Vai."

    #92590

    sihboh
    Membro

    L’ho provato tra quelli comperati in Spagna, per darti impressioni precise dovrei riprovarlo ma proprio non mi e’ piaciuto troppo amaro e pungente un gusto forte tanto che per renderlo più fumabile l’ho umidificato con la buccia di mela e addolcito un po’.

    L'uomo più felice che io conosca ha un accendino e una moglie, ed entrambi funzionano. (Woody Allen)
    I tabacchi buoni da fumare, sono quelli che ti piacciono!
    Pallacanestro Treviso più di una fede!

    #92465

    Tra una mesata andrò in portogallo, spero si trovi anche lì, ho ricordi molto buoni delle camel senza filtro (che se non sbaglio dovrebbero essere anche loro turkish blend)

    #92429

    Johnny Hooker
    Moderatore

    Io non ho scritto nulla perchè non conoscevo nemmeno la sua esistenza, e non volevo dare il mio solito contributo superficiale, però a questo punto (tutti con la mano sul pacco per piacere) mi auguro che lo troviate e possiate aiutare il grande ao59 che è sempre disponibile con tutti, sia per gioco che per competenze.

    Mamma passami quella fune e quel rampino che devo uscire un attimo a cercare una cosa..non aspettarmi per cena.

    Non ho bisogno di alcun maestro. Il modo di tenerla ... di girarla ... me lo insegna la cartina stessa. Per omaggiare la bellissima firma de El Merendero.

    #92413

    ao59
    Membro

    In quali paesi si trova?

    Sicuramente in Svizzera ed in Spagna, oltre che negli Stati Uniti.

    When you ain't got nothin', you got nothin' to lose

    #92407

    In quali paesi si trova?

    #92388

    JeanNicot
    Membro

    Non si fa così però.

    Io per conservarlo fresco ero pure in trattative per un posticino che come saprai si è recentemente liberato a Sant’Apollinare in Roma.

    Vabbé,  a questo punto mi toccherà stapparlo.

Stai vedendo 21 repliche - dal 1 al 21 (di 21 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.