Questo portabacco non è altro che un riadattamento dell’arcaico borsello che l’Origenes dà in gentile omaggio con una busta dell’omonimo stupendo tabacco.
Il modello vecchio, con quel mollettone laterale per mantenere la busta di tabacco, è un’ insulto alla potenziale praticità e utilità di questo oggetto, infatti mi è bastato apportare delle piccole modifiche per renderlo molto più efficiente.
Bastano un po’ di pazienza, ago e filo (preferibilmente dello stesso colore del portatabacco, ma va bene anche un verde militare), e anche un pizzico di abilità in materia.
Come prima cosa ho tagliato il foglio interno giusto al centro con un taglio che va da parte a parte, dopo per non far sfilacciare la stoffa ho fatto una piccola piega, di circa mezzo cm, e l’ho cucita in stile macchina, qui ci si mette la busta di tabacco, io ci ho messo una busta di golden virginia, quella con la chiusura ermetica, appositamente ridimensionata, così il tabacco non scappa da tutte le parti.
Poi, non accontentandomi ho scucito la molla dove andava riposta la busta di tabacco e l’ho tagliata a metà: una metà l’ho cucita sul fianco del vano portacartine per riporci l’accendino, e l’altra metà l’ho rimessa dov’ era girata di 90° così da avere una comoda presa con il quarto dito mentre rollo la sigaretta.
Ed ecco qua! Un comodissimo e praticissimo portatabacco che va a sostituire il suo antenato arcaico e antiestetico nell’uso.
Gerardo Cascino