Ve lo avevamo promesso qualche settimana fa, ora siamo pronti per la recensione del nuovissimo tabacco FRED, non ancora disponibile in Italia, ma senza ombra di dubbio uno dei prodotti più interessanti e innovativi degli ultimi anni. 

Un packaging da 10 e lode 

Iniziamo la nostra recensione, come sempre, dal packaging, che in questo caso rappresenta forse la cosa più interessante del prodotto. 

Busta da 35g che però dà la sensazione di contenere almeno 40g di tabacco (vedremo perché). Grafica particolarissima con uno stile che rimanda a colori e font molto in voga negli anni ’90. Sul fronte la scritta FRED appare si sbieco e con una lunga ombra che la fa risaltare particolarmente, immediatamente sotto la dicitura “rose”, che identifica la tipologia di miscela. 

All’interno della busta compare una scritta “CULT” a caratteri cubitali, nella parte bassa il volto di un giovane con degli stravaganti occhiali bianchi intento ad urlare mostrando la lingua, un cubo di rubik scomposto e uno degli alieni pixelati che tutti noi abbiamo conosciuto giocando a Space Invaders. Qualcosa di mai visto prima, insomma. 

Sul retro della busta si vede il simbolo dei sali umidificanti Boveda con affianco una dicitura in tedesco che ne pubblicizza la presenta all’interno della busta per mantenere sempre il tabacco alla giusta umidità. 

Eh già, avete capito bene. Questa busta di tabacco trinciato viene venduta con al proprio interno una busta di Boveda 69%. Una vera e propria garanzia contro qualsiasi perdita di umidità nel prodotto, soprattutto se, come in questo caso, la busta è dotata anche di zip di chiusura. 

 

 

Un American Blend pensato per i fumatori di marijuana Occorre subito dire che lo storytelling che è stato creato attorno a questo prodotto è veramente straordinario, ma allo stesso tempo crea moltissime aspettative.

Nel sito di FRED si legge che Fred Rose è stato creato pensando ai fumatori di marijuana che ricercano il tabacco perfetto per confezionare i loro joint esaltando il gusto dell’erba. Nello stesso sito si legge che il prodotto è stato pensato assieme ad uno specialista di marijuana che è riuscito a selezionale le varietà di tabacco più adatte per far emergere gli aromi dell’erba, in particolar modo quelle di varietà Haze. 

Ok, ma torniamo con i piedi per terra. 

FRED Rose è un American Blend classico. 70 % virginia, 20 % burley, 10 % orientali. Nulla di strano insomma. Molto probabilmente sono stati utilizzati tabacchi virginia piuttosto aromatici e ciò li fa emergere tanto che aprendo la busta ho pensato si trattasse di una miscela 100 % virginia. 

La fumata 

Ho rollato una sigaretta di FRED Rose utilizzando una cartina Gizeh super fine (12g/m2), con filtrino slim da 6mm di diametro. 

Anche durante la fumata emerge il gusto forte dei tabacchi virginia contenuti nella miscela, tuttavia l’apporto di nicotina portato dal burley non manca. I tabacchi orientali sono leggermente nascosti dal gusto dolce dei virginia. 

Lo definirei un American Blend “fruttato”, con sentori dolci che rimandano a miscele virginia ma che non si distacca particolarmente da altri American Blend con percentuali di virginia simili (vedi Mac Baren Senza Nome White). 

Onestamente non saprei dire se questo trinciato sia l’ideale per essere fumato assieme a della marijuana. Sicuramente non rappresenta un prodotto unico nel suo genere, sebbene il mio giudizio sia molto positivo. Forse lo storytelling è un po’ esagerato ma questo trinciato merita sicuramente di essere provato. 

Il prezzo? Sul tassello tedesco della busta che mi è stata spedita si riporta un prezzo di 5,50 €. Vedremo, se e quando arriverà in Italia, a che prezzo verrà venduto (sicuramente maggiore di almeno 50 cent).