Dopo il nostro precedente articolo sulla canapa light e sui vaporizzatori abbiamo deciso di entrare un po’ più nel dettaglio di quello che offre il mercato, ed in particolare proporvi una mini recensione su questo modello, giunto “magicamente alla nostra redazione”. Si tratta del Vicod 5G (seconda generazione) prodotto dall’americana Atmos. Un vaporizzatore portatile, in grado di funzionare sia con erbe che con concentrati e dotato di un praticissimo display che consente di verificare lo stato di carica della batteria e regolare in modo molto efficiente la temperatura.

Come si Presenta

Il vicod viene venduto in un elegante scatola regalo ( sciccheria: la scatola riprende lo stesso effetto “gomma” del vicod stesso) contenente  tutti gli accessori necessari:

  • Cavo USB di ricarica
  • Scovolino per la pulizia
  • Adattatore per l’utilizzo con concentrati
  • Boccaglio in vetro ( sinceramente non sono convinto che si chiami boccaglio )
  • Manuale di istruzioni ( in inglese ovviamente)

Primi contatti

Già dalla prima occhiata, il Vicod si presenza come un vaporizzatore solido, dal design pulito ed elegante. Il suo rivestimento in gomma lo rende piacevole al tatto e le sue dimensioni contenute consentono di portarlo ovunque in modo agevole.

Proviamolo…

Seguiamo fedelmente le istruzioni e mettiamolo in carica ( carica completa la prima volta, mi raccomando…. ), dopo circa 3 ore il nostro Vicod è pronto all’uso.

Inseriamo la nostra presa di tabacco ( lo ammetto, la curiosità di provarlo era tale che non mi sono concentrato molto sulla scelta del tabacco, il primo che mi è passato tra le mani) , premiamo 5 volte sul tasto dell’accensione, regoliamo la temperatura ( anche qui sono andato un po’ a caso  mettendo circa 200° C ) e via… il gioco è fatto.

La cosa che colpisce è la quantità di vapore che si ottiene ( vapore che diventa ancora più corposo e consistente con l’uso del boccaglio aggiuntivo) . Inoltre dopo un paio di “boccate” il sapore diventa più realistico ed il leggero retrogusto “plasticoso” sparisce.

Dopo 5 minuti si spegne automaticamente ( misura utilizzata da molti vaporizzatori portatili come misura preventiva per evitare il surriscaldamento), ma è sufficiente premere nuovamente per 5 volte il tasto dell’accensione ed in pochi secondi vi riporta all’ultima temperatura impostata.

Considerazioni Finali

Il Vicod 5G rappresenta sicuramente un vaporizzatore di ottima qualità, ed il rapporto prezzo/prestazioni è assolutamente accattivante ( Indicativamente 120 Euro ). La durata della batteria ( 90 minuti di utilizzo ) è più che sufficiente e le sue ridotte dimensioni lo rendono estremamente maneggevole.

Possiamo quindi dire il prodotto ideale per chi si avvicina per la prima volta al mondo dei vaporizzatori o per chi vuole alternare l’uso di erbe a quella di concentrati senza dover acquistare due prodotti separati.